InstaVangelo del 17/1/2022

Mc 2,18-22

Nessuno cuce un pezzo di stoffa grezza su un vestito vecchio; altrimenti il rattoppo nuovo porta via qualcosa alla stoffa vecchia e lo strappo diventa peggiore. E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi, altrimenti il vino spaccherà gli otri, e si perdono vino e otri. Ma vino nuovo in otri nuovi!».

*

L’evangelista Marco pone la discussione sul digiuno e le nozze al centro della serie di controversie. 

Gesù è presentato come lo Sposo, Colui al quale tutto si riconduce. 

Alla formalità esteriore deve corrispondere un rinnovamento spirituale: l’umiltà dinanzi a Dio. Lo Sposo sta per venire e tutti sono in attesa. Diverse domande dovrebbero aiutare la nostra coscienza a verificarsi: in attesa dello sposo che verrà mi sforzo di rinunciare a qualcosa di materiale e scelgo di impegnarmi nella pratica di un atteggiamento virtuoso? Chi o cosa attendo? Perché lo faccio? 

Il tempo in cui viviamo questa attesa è il tempo che la Chiesa ci aiuta a scandire e a preparare affinché possiamo diventare sempre più “amici” dello Sposo. Chi attende non può star fermo, ma si impegna in una laboriosità creativa per accogliere al meglio. In questa attesa lo Spirito richiede che ci apriamo a realtà sempre nuove, abbandonando schemi obsoleti. E la Pandemia ci ha insegnato proprio questo.

Le immagini della toppa e degli otri vogliono indicare un cammino di rinnovamento. 

  • Come posso accogliere il Signore se il mio “contenitore” è vecchio e non è in grado di ricevere la novità del suo insegnamento?

Ascolta anche il commento audio qui sotto:

Unisciti al canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca 👉🏼 QUI

Visita anche il canale 👉🏼 YOUTUBE , seguici su Instagram e ascolta la 👉🏼 Web radio di RaDioON, la radio dallo spirito divino (www.rdon.it), vedi il palinsesto.

Ecco 👉🏼 TUTTI I LINK!